Fisica Teorica



 
 

Fisica Elettrodebole e del bosone di Higgs


 
La scoperta del bosone di Higgs al collisore adronico "Large Hadron Collider" (LHC) in operazione presso il CERN di Ginevra ha aperto una nuova era nello studio della fisica delle alte energie e nella comprensione del meccanismo della rottura spontanea della simmetria elettrodebole. Questa scoperta rappresenta l'ultimo successo in ordine di tempo del Modello Standard delle Interazioni Elettrodeboli la cui previsione dell'intervallo di massa aspettato per il bosone di Higgs dall'analisi delle correzioni quantistiche alle osservabili di precisione e' stata pienamente confermata dal risultato sperimentale.

Il programma di ricerca  del LHC negli anni futuri sara' focalizzato allo  studio accurato delle proprieta' del bosone di Higgs ed alla ricerca di nuova fisica  oltre il Modello Standard. La grande mole di dati sperimentali gia' accumulati e quelli futuri richiedono un miglioramento continuo delle analisi fenomenologiche e della interpretazione teorica.    

La ricerca svolta a Roma Tre e' focalizzata allo studio di vari aspetti della fenomenologia del Modello Standard e di alcune sue possibili estensioni, con particolare riguardo alla fisica di LHC.
Le principali linee di ricerca riguardano:
i) il calcolo a molti loop delle osservabili di precisione nel Modello Standard per  migliorare il confronto tra predizioni teoriche e risultati sperimentali e vincolare in maniera indiretta effetti di nuova fisica.
ii) Il calcolo a molti loop delle sezioni d'urto di produzione e dei decadimenti di particelle scalari sia nel Modello Standard che nei modelli supersimmetrici per cercare di elucidare meglio il meccanismo della rottura spontanea della simmetria elettrodebole.


Membri:


Collaborazioni


Collaborazioni internazionali:
CERN, Ginevra;
LPTHE, UPMC Universita` di Parigi 6;
Max-Planck-Insitut fuer Physik, Monaco di Baviera

Copyright© 2014 Dipartimento di Matematica e Fisica